Perché le cipolle ci fanno piangere?

Quante volte ci siamo trovati in cucina ad affettare le cipolle e ci siamo chiesti: “Perché fanno piangere così tanto?” È una domanda molto più comune di quanto tu possa pensare: scoprirai, infatti, che sono davvero in pochi quelli che riescono a non lacrimare mentre tagliano le cipolle.

In questo articolo cercheremo di capire quali sono i motivi per cui la cipolla fa piangere, qual è la reazione chimica che si scatena e, soprattutto, come evitare che ciò accada! Che tu sia un cuoco esperto, un principiante in cucina o soltanto un curioso, troverai in questo articolo tutte le risposte che cerchi!

Perché le cipolle fanno lacrimare gli occhi

Le cipolle sono uno degli ingredienti fondamentali di moltissime delle nostre ricette più famose: che si tratti di un ragù o di un brodo, senza di loro il sapore dei nostri piatti preferiti non sarebbe lo stesso. Ma c’è un aspetto di loro che spesso suscita curiosità e, il più delle volte, un gran fastidio: il loro potere di farci versare lacrime.

La ragione principale per cui le cipolle ci fanno piangere risiede in una reazione chimica. Quando tagliamo una cipolla, danneggiamo le sue cellule e liberiamo una sostanza chiamata solfuro di allile. Questo solfuro, al contatto con l’aria e in particolare con l’umidità degli occhi, si trasforma e diventa acido solforico. Questo acido è molto irritante per gli occhi, che reagiscono producendo lacrime per diluirlo e, soprattutto, per proteggersi da questo agente esterno che viene percepito come minaccioso.

Proprio come le persone, non tutte le cipolle sono uguali. Alcune varietà contengono quantità maggiori di solfuro di allile rispetto ad altre: le cipolle gialle, ad esempio, sono spesso le principali colpevoli di lacrimazione intensa. Al contrario, le cipolle bianche o rosse tendono a far piangere leggermente meno, anche se molto dipende anche dalla resistenza di ognuno di noi. Esistono anche varietà di cipolle, come le cipolle dolci, che hanno livelli significativamente più bassi di questi composti, rendendole una scelta ideale per chi è particolarmente infastidito dalla lacrimazione intensa.

Come fare per non piangere quando tagli le cipolle

Fortunatamente, ci sono diversi trucchi che possono aiutarti a evitare le lacrime mentre prepari la cipolla. Non preoccuparti: non dovrai rinunciare al tuo ingrediente preferito! Ecco alcune strategie che ti aiuteranno a non piangere tagliando le cipolle:

  • Usa un coltello affilato: meno danneggi le cellule della cipolla, meno solfuro di allile verrà rilasciato;
  • Taglia la cipolla sotto l’acqua corrente: l’acqua può aiutare a disperdere il solfuro di allile prima che raggiunga i tuoi occhi;
  • Metti in frigo le cipolle un po’ di tempo prima di tagliarle: il freddo rallenta la conversione del solfuro di allile in acido solforico;
  • Usa una ventola o una finestra: mantenere una buona circolazione d’aria può aiutare a disperdere i composti irritanti.

Attraverso questi trucchetti potrai tagliare la cipolla senza piangere o, almeno, senza farlo a dirotto! Se, invece, la lacrimazione è talmente intensa da essere insopportabile, una soluzione potrebbe essere quella di indossare una visiera protettiva che funga da vera e propria membrana di separazione tra le cipolle e gli occhi.

Articoli simili