Perché se lasci la frizione l’auto si spegne?

Probabilmente sarà capitato anche a voi che, mentre siete fermi al semaforo con la prima marcia inserita, lasciando la frizione vi si sia spenta la macchina. Ma perché se lasci la frizione l’auto si spegne?


Com’è fatta la frizione?

La frizione è un elemento fondamentale delle macchine, sia che siano dotate di cambio manuale sia che abbiano il cambio automatico. Nello specifico, si tratta di una componente dell’auto formata da tre parti distinte: il disco della frizione, lo spingidisco e il cuscinetto reggispinta. L’ordine in cui sono state elencate rispecchia esattamente l’ordine in cui sono disposte all’interno della nostra auto.

Cos’è il disco della frizione

Il disco della frizione, la componente principale della frizione, è una piastra metallica circolare dotata di una guarnizione di attrito su un lato, simile a quelle delle pastiglie dei freni. Questa guarnizione serve a resistere al continuo attrito a cui è sottoposta la componente, perché il disco della frizione serve a rendere meno bruschi gli innesti del cambio. 

Quindi, si tratta di una componente molto delicata. Inoltre, tale componente è composta da un collegamento che permette di mettere in comunicazione tra di loro l’albero primario, ossia quello collegato al motore, e l’albero secondario, quello formato da cambio e albero di trasmissione.

Cos’è lo spingidisco dell’auto

Dopodiché abbiamo lo spingidisco, una componente anch’essa di forma circolare, dotata di due lati. Su un lato sono disposte delle lamelle, l’altro lato invece è caratterizzato da una superficie liscia. 

Lo spingidisco ha la funzione di garantire il graduale accoppiamento dell’albero primario con il disco della frizione. In altre parole, ha il compito di tenere il disco della frizione appoggiato al volano del motore per ricevere il movimento.

Cos’è il cuscinetto reggispinta

Infine c’è il cuscinetto reggispinta, un anello cilindrico con dei cuscinetti al suo interno. Si trova posizionato esattamente al centro del disco della frizione, davanti allo spingidisco. 

La sua funzione principale è quella di consentire il movimento al disco della frizione, in modo tale da permettere il distanziamento dell’albero primario da quello secondario. In questo modo toglie lo spingidisco e il disco della frizione dal volano, scollegando conseguentemente la trasmissione della forza motrice.

Queste sono, nello specifico, le tre parti che compongono il meccanismo della frizione, ma come funziona tutto questo?

perché-auto-si-spegne

Come funziona la frizione?

Innanzitutto, l’innesco del meccanismo avviene nel momento in cui si schiaccia il pedale della frizione. Nel momento in cui questo viene premuto, il cuscinetto reggispinta fa immediatamente arretrare lo spingidisco, separando di conseguenza l’albero primario da quello secondario

È a questo punto che il conducente dell’auto è in grado di inserire la marcia desiderata. Ovviamente, nel momento in cui il pedale della frizione viene rilasciato, il meccanismo avviene al contrario. 

Quindi, il cuscinetto reggispinta spinge lo spingidisco verso il disco della frizione, il quale, muovendosi nuovamente verso il motore, causa il collegamento tra i due alberi e blocca la possibilità di cambiare la marcia.

Come mai l’auto si spegne al semaforo?

Una volta capito il funzionamento di questo meccanismo, è possibile comprendere il motivo per cui l’auto ferma si spegne nel momento in cui si lascia il pedale della frizione

Sostanzialmente durante la guida, il disaccoppiamento che si forma tra i due alberi è fondamentale per evitare che un eventuale blocco delle ruote comporti lo stop dell’albero del motore nelle fermate e nelle partenze del veicolo, causando successivamente il famoso spegnimento del motore.