Perché la torre di Pisa è storta?

La torre di Pisa si trova nella piazza del Duomo dell’omonima città ed è uno dei monumenti più famosi al mondo proprio a causa della sua caratteristica pendenza. In realtà il progetto iniziale non la prevedeva e si tratta di un evento per certi versi fortuito, che ha reso nota quest’opera d’arte in tutto il mondo. Vi siete mai chiesti perché la Torre di Pisa è storta e come mai nessuno se ne è mai preoccupato?

Quando si è inclinata la torre di Pisa?

La costruzione di questo famoso monumento ha avuto inizio quasi un millennio fa, nel 1173. Secondo gli storici dell’epoca, padre del progetto dell’opera sarebbe Diotisalvi, architetto proprio di Pisa che in quegli stessi anni aveva progettato il battistero che presenta diverse analogie con la torre.

Secondo altri autori, invece, l’opera sarebbe stata progettata da Gherardi oppure da Bonanno Pisano. A prescindere da chi sia stato il suo progettista, il progetto iniziale non prevedeva che la torre fosse inclinata.

Secondo quanto riportato dagli storici, una volta costruite le fondamenta queste sono rimaste a riposare per un anno, in modo tale da rendere la costruzione il più solida possibile.

La torre di Pisa è un vero e proprio campanile, costruito in quegli anni quando la città cominciava a diventare sempre più importante a livello militare e commerciale, perciò dovette investire sull’arte

Nel progetto vi era la costruzione del Campo dei Miracoli, all’interno del quale si trovano la Cattedrale, il Battistero, il Cimitero e la torre di Pisa.

La costruzione della Torre si è interrotta inizialmente al terzo piano, perché il terreno, costituito da argilla molle normalconsolidata, aveva cominciato a cedere. La stessa parola pisa deriva infatti dal greco e significa terra paludosa, proprio a causa della conformazione fisica del territorio. 

torre-di-pisa-storta

Come mai la torre di Pisa è storta?

Quando furono costruiti i primi tre piani della torre di Pisa, anche gli stessi architetti si sono chiesti “Perché pende?” eppure non sapevano darsi una risposta ben precisa, perché non avevano ancora studiato approfonditamente la natura del terreno.

I lavori inizialmente furono interrotti, per poi riprendere diversi anni dopo ad opera di Giovanni di Simone e Giovanni Pisano, che aggiunsero altri tre piani ma non fecero altro che peggiorare la pendenza della torre di Pisa.

La torre di Pisa è storta perché il terreno sopra il quale è stata costruita è formato da uno strato di argilla che ha letteralmente ceduto sotto al peso delle sue stesse fondamenta e dei primi tre piani che furono costruiti intorno al 1173. 

Si è cercato di rendere la pendenza meno evidente, costruendo gli altri tre piani superiori in modo che fossero opposti alla pendenza stessa, ma così facendo si peggiorò soltanto la situazione. Nel ‘900, invece, sono stati realizzate diverse iniziative per mettere la torre in sicurezza.

Si pensava infatti che potesse crollare, per questo sono stati applicati dei pesi in piombo di 900 tonnellate alle estremità della torre che garantiscono che rimanga ferma nella posizione in cui si trova e che non subisca ulteriori oscillazioni. 

Di quanti gradi è inclinata la torre di Pisa?

La torre di Pisa è pendente da un lato ed ha un’inclinazione pari a 3.97 gradi rispetto al suo asse verticale. Una curiosità rispetto a questo monumento è che non è l’unico pendente della città.

La torre di Pisa è particolarmente famosa perché è storta, ma sono presenti anche altri edifici che nello stesso territorio sono pendenti a causa del terreno argilloso. Ad esempio, il campanile della chiesa di San Nicola ha un’inclinazione di 2.5 gradi mentre il campanile della chiesa di San Michele degli Scalzi supera anche la torre di Pisa, con un’inclinazione di 5 gradi. 

Articoli simili